Video (per i podcast clicca qui)
21/11/2018
Condividi su:
Amministratore quale custode del condominio #3

L’art. 2051 c.c. afferma che “Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”. Il custode è colui che ha il cosiddetto “governo della cosa”, ossia chi ha un effettivo potere fisico che comporta il dovere di custodirla, di vigilarla e di mantenerne il controllo in modo da impedire che, per sua natura o per particolari contingenze, produca danni. Nel condominio, tale ruolo è svolto (anche) dall’amministratore il quale è legato ad una serie di poteri/doveri a lui conferiti dalla legge.

Parte 3 di 4

14/11/2018
Condividi su:
Amministratore quale custode del condominio #2

L’art. 2051 c.c. afferma che “Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”. Il custode è colui che ha il cosiddetto “governo della cosa”, ossia chi ha un effettivo potere fisico che comporta il dovere di custodirla, di vigilarla e di mantenerne il controllo in modo da impedire che, per sua natura o per particolari contingenze, produca danni. Nel condominio, tale ruolo è svolto (anche) dall’amministratore il quale è legato ad una serie di poteri/doveri a lui conferiti dalla legge.

Parte 2 di 4

07/11/2018
Condividi su:
Amministratore quale custode del condominio #1

L’art. 2051 c.c. afferma che “Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito”. Il custode è colui che ha il cosiddetto “governo della cosa”, ossia chi ha un effettivo potere fisico che comporta il dovere di custodirla, di vigilarla e di mantenerne il controllo in modo da impedire che, per sua natura o per particolari contingenze, produca danni. Nel condominio, tale ruolo è svolto (anche) dall’amministratore il quale è legato ad una serie di poteri/doveri a lui conferiti dalla legge.

Parte 1 di 4

31/10/2018
Condividi su:
Il condomino può ottenere copia dell’estratto conto bancario del condominio

È lecito, per il tramite dell’amministratore, l’accesso in forma integrale agli estratti conto bancari o postali del condominio. Tale principio riconosce il diritto di ottenere “copia di atti o documenti bancari” senza alcuna limitazione, neanche nelle forme di un parziale oscuramento, anche se contengono dati personali di terzi.

24/10/2018
Condividi su:
Costituzione e nascita del condominio

Il condominio sorge con il primo frazionamento dell’unica proprietà iniziale; è in questo momento che, da una parte, si costituisce il condominio e, dall’altra, inizia ad operare la presunzione legale delle parti comuni ai sensi dell’art. 1117 c.c..

17/10/2018
Condividi su:
Posso trattare i dati dei miei condomini?

L’amministratore può trattare i dati dei condomini in quanto svolge tale attività nell’ambito dell’esecuzione di un contratto (di amministrazione condominiale). I dati trattati devono essere quelli strettamente indispensabili all’adempimento del suo contratto.

10/10/2018
Condividi su:
Impugnativa di delibera assembleare e competenza per valore

Si è molto parlato della sentenza della Corte di Cassazione n. 21227 del 15.05.2018 la quale si è espressa in tema di impugnativa di delibera assembleare ed individuazione della competenza per valore.

03/10/2018
Condividi su:
Privacy in Condominio - Gdpr e D.Lgs. 101/2018

La funzione del D.Lgs 101/2018 è stata quella di armonizzare le norme del D.Lgs 196/2003 con quelle introdotte dal Regolamento Europeo.

In questo video cerco di dare una prima sintetica visione della norma dal punto di vista dell’amministratore condominiale.

26/09/2018
Condividi su:
Compenso dell’amministratore (un caso giudiziario)

La sentenza del Tribunale di Napoli n. 5027 del 22.05.2018 riguarda il caso di un amministratore condominiale il quale ha proposto decreto ingiuntivo nei confronti di un condominio da lui gestito a titolo di compensi non corrisposti. Il condominio opponeva tale decreto lamentando il fatto che l’amministratore non avesse correttamente adempiuto al suo incarico e non avesse quindi diritto ad ottenere alcun compenso.

19/09/2018
Condividi su:
Si discute di… “varie ed eventuali”

La voce “varie ed eventuali” non può essere utilizzata per assumere decisioni che abbiano un carattere vincolante per i proprietari; tale spazio potrà essere utilizzato solamente con finalità informative, programmatiche o di confronto reciproco da parte dei condomini.

Pagina:  1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11
Richiedi la nostra
Consulenza
telefonica o via skype
Accademia
Condominio
Unisciti alla nostra COMMUNITY
Scarica il nostro ebook gratuito
"Tavola delle maggioranze"
Ebook Tavola delle maggioranze